Lavoro no image

Pubblicato il dicembre 14th, 2013 | da Wise

0

Trasferibilità di un lavoratore disabile per “incompatibilità ambientale”.

La Corte di Cassazione ha stabilito, con sentenza n. 24775/2013, che se il Giudice accerta che la permanenza di un lavoratore handicappato nel luogo di lavoro crea contrasti con ripercussioni sul regolare svolgimento dell’attività lavorativa, è giustificato il suo trasferimento.

Tale decisione non lede il diritto della persona disabile di non essere trasferita senza il suo consenso ad altra sede, perché lo stesso deve essere contemperato con l’accertata incompatibilità della permanenza del lavoratore nella sede di lavoro. L’accertamento dell’incompatibilità ambientale prescinde ovviamente da scopi punitivi ed è riconducibile all’art. 2103 c.c.; si deve distinguere dalle ordinarie esigenze di assetto organizzativo, poiché costituisce essa stessa causa di disorganizzazione e disfunzione, realizzando di per sé un’esigenza di modifica del luogo di lavoro.


Info Autore

Wise

Avvocati & Commercialisti, un pool sempre aggiornato. Wise, la forza della concretezza!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑